Roma, Monchi a L’Originale: “Stiamo costruendo una società vincente. Se fosse partito Dzeko…”

15 Febbraio 2018
205 Views



Ospite nella trasmissione di Alessandro Bonan “L’Originale”, il ds della Roma Monchi ha parlato affrontando numerosi argomenti: i suoi primi mesi a Roma dopo i tanti anni a Siviglia, le scelte di mercato e gli obiettivi a breve e lungo termine della squadra giallorossa. Proprio nel giorno di San Valentino: “Sì, sono innamorato di questa società. E appena arrivato ho capito fin da subito quanto le vogliono bene i tifosi. Loro vogliono vincere i trofei, vogliono i risultati, mentre per le società sono importanti i numeri: le mie plusvalenze a Siviglia hanno valore perché abbiamo vinto tanti trofei, questo è quello che mi manca ancora qui. Capisco i tifosi, a loro chiedo un po’ più di fiducia nel mio lavoro. Sto conoscendo il calcio italiano e la Roma, il mio obiettivo è provare ad avvicinare la squadra ai tifosi: ma ci vuole tempo”. Monchi poi ha svelato anche alcuni retroscena sulla cessione di Salah: “Alla fine con i bonus siamo arrivati a 50 milioni, una cifra che adesso non reputo la migliore possibile. Ma allora avevamo biogno di vendere e lui aveva già un accordo con il Liverpool”.

“Dzeko? Se fosse partito avremmo preso un sostituto”

Inevitabile affrontare l’argomento Dzeko, a lungo sul punto di lasciare la Roma nell’ultima sessione di mercato. Monchi spiega come sono andate realmente le cose: “Avevamo cominciato a parlare col Chelsea per Emerson, poi ci hanno chiesto Edin: noi abbiamo detto loro di fare un’offerta e che l’avremmo valutata. Il Chelsea però non è mai arrivato alla cifra richiesta, né Dzeko ha raggiunto l’accordo. Noi non eravamo convinti al 100% di vendere Dzeko, ma se fosse partito sarebbe arrivato un sostituto: Giroud era un’opzione importante, così come Batshuayi. Schick? Per me è un attaccante. Abbiamo fiducia in lui e in Defrel. Sono stati pagati troppo? A volte girano cifre sbagliate, in realtà ad oggi abbiamo speso 6 milioni per Schick e 5 per Defrel: sono operazioni comode per noi, che possiamo ammortizzare.

La Champions e i retroscena Marcelo e Ounas

Nella serata di Real Madrid-PSG, Monchi rivede in campo tanti giocatori che ha preso o lanciato con il suo Siviglia: Sergio Ramos, Dani Alves. E anche l’allenatore delle tre Europa League, Emery. E proprio su uno dei protagonisti della gara, Marcelo, Monchi svela un retroscena: “Lui è stato vicinissimo al mio Siviglia. Quando ha lasciato il Brasile era per venire al Siviglia. Ma ha fatto scalo a Madrid ed è in quel frangente che il Real ce l’ha soffiato”. E a proposito di Champions, settimana prossima toccherà proprio alla Roma: “Per noi rappresenta tanto, è un’occasione importante per fare qualcosa di importante e anche per me che non sono mai arrivato ai quarti di finale”. Un altro retroscena raccontato da Monchi è quello su Ounas: “Sì, c’è stato un duello con il Napoli. Anche noi siamo stati vicini al giocatore”.



Source link

condividilo nei tuoi social

Leave A Comment