Napoli, De Laurentiis parla del mercato e non solo: ecco le sue parole!

1 Settembre 2016
371 Views

Chiuso il calciomercato estivo, il Napoli ha voluto far sentire la propria voce attraverso le dichiarazioni del presidente Aurelio De Laurenttis.

Da Giaccherini a Rog, passando per Diawara, Milik e Maksimovic. Il Napoli ha portato a termine un mercato che, se da un lato ha visto la partenza di Gonzalo Higuain, dall’altro ha regalato tanti buoni colpi da valorizzare da qui ai prossimi anni. Ne è convinto anche il presidente azzurro Aurelio De Laurentiis, intervenuto ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss Napoli’: “Siamo la squadra che in prospettiva si è rinforzata di più a livello europeo. Con i ritocchi degli ingaggi è stato un mercato da 140 milioni circa e ci siamo rafforzati a centrocampo e in difesa. Gabbiadini è incedibile, è in sintonia con Sarri. Cominciamo già a lavorare su gennaio laddove dovesse esserci qualche rinforzo”. 

“E’ stato un mercato ricco. I cartellini dei nuovi acquisti sono costati circa 130 milioni, che con i ritocchi degli ingaggi dei giocatori già in rosa hanno portato la spesa a circa 140/150 milioni – ha spiegato il patron del Napoli -. Ma i numeri sono simboli e rappresentano poco, mi piacerebbe dire quanto ci siamo rafforzati a centrocampo. Siamo la squadra europea che in prospettiva si è rafforzata di più. Sarri ha a disposizione un materiale esplosivo che gli consente di giocare su più fronti e con più moduli. Anche in difesa ci siamo rafforzati. Non ne avevamo bisogno, ma con la Coppa d’Africa abbiamo dovuto rinforzare la retroguardia con Tonelli e Maksimovic, che era un nostro obiettivo da oltre un anno. Puntiamo sempre al top del top e a elementi giovani”.

 

Per quanto riguarda il reparto offensivo, De Laurentiis ha voluto sgombrare il campo dagli equivoci: “Milik non va paragonato a Higuain. Prima il Napoli giocava per il Pipita, ora la squadra gioca per la squadra. Uno per tutti e tutti per uno. Gabbiadini è incedibile perché ha trovato una sintonia con il nostro tecnico, che è un grande scultore di anime e di corpi, di schemi e di tattiche. Crediamo che Sarri tirerà fuori il meglio del meglio da Gabbiadini. Nessuno però si deve adombrare se gioca meno. L’importante è vincere. Quello che devono capire i giocatori è che se la squadra si rinforza, è come avere due squadre. E devono giocare quelli che sono più in forma o più adatti a incontrare quell’avversario. La bravura di un calciatore non si misura col minutaggio”. 

Inoltre il presidente affronta la questione Cavani smentendo le voci che lo volevano all’ombra del Vesuvio: “Ho letto un sacco di stupidaggini. Ho solo chiamato Blanc per chiedergli se era vero che il Matador voleva andare via da Parigi, ma mi ha risposto che non era così e la questione si è chiusa lì. Credo che tutti i contratti ormai abbiano clausole rescissorie – ha spiegato -. Dopo il caso Higuain, che ci ha dato molto fastidio, abbiamo deciso di inserire una clausola nei contratti per cui non è possibile la cessione in Italia dei nostri giocatori”. Infine De Laurentiis parla anche del girone capitato agli azzurri in Champions League: “E’ un girone da non prendere sottogamba. Apparentemente è più semplice di altri, ma sono tutti avversari da non sottovalutare perché nei loro campionati han fatto bene”.

condividilo nei tuoi social

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.