Lazio, Correa e il rigore di Bologna: ecco perché l’ha tirato lui


ROMA – Il talento diventa tormento quando il cuore è in tumulto. Correa, da settimane, ha un peso che preme sull’anima. Soffre per la scomparsa della nonna, avvenuta dopo Inter-Lazio, prima di Lazio-Genoa. Già durante la sosta del campionato il pensiero della sua sofferenza l’aveva fiaccato. Il dolore è ancora fresco. Alla nonna avrebbe voluto dedicare il rigore di Bologna.

Lazio nel mirino della Uefa: saluti romani dei tifosi nel match contro il Rennes

Perché ancora Immobile?

Correa, la Lazio e il rigore di Bologna

Il Tucu voleva quel gol, ha chiesto di calciare anche per questo motivo. Inzaghi e i compagni hanno capito il momento e l’hanno assecondato. Era tra i rigoristi, ma prima di lui figuravano in lista Immobile (già in panchina) e Luis Alberto. L’argentino è il terzo dell’elenco, il quarto è Jony. Luis Alberto, che con Correa condivide un’amicizia vera, non si è opposto alla richiesta. Svelato il motivo, immaginabile, adesso c’è solo un obiettivo: aiutare Correa a rialzarsi. «Coraggio, ti riprenderai», è il messaggio che tutti, da Inzaghi ai compagni, hanno mandato all’argentino. Si sono stretti attorno a lui, lo aiuteranno a rilanciarsi, a rasserenarsi sfruttando la sosta. A settembre, dopo il derby, ha raggiunto la sua nazionale, è rientrato a poche ore dal match con la Spal. Ha pagato il viaggio intercontinentale, in più è subentrato il dolore personale, familiare. Vive un momento difficile, il gol l’avrebbe aiutato a ritrovare fiducia. E’ un ragazzo sensibile, fragile, ancora altalenante nelle prestazioni. E’ capace di tutto, di inventare giocate da fuoriclasse, di sbagliare gol facili facili.

Leggi l’articolo completo sull’edizione digitale del Corriere dello Sport-Stadio


Inzaghi: “Dispiace per il rigore di Correa”

Leave A Comment