Juventus-Siviglia, Allegri ha sbagliato… punto!

Mister Allegri stavolta ha toppato: la sua Juventus necessitava di tutta la qualità possibile e le sue scelte si sono rivelate sbagliate, errore da non ripetere.

Ieri sera la Juventus ha esordito in Champions League contro il Siviglia pareggiando per 0-0 al termine di una gara un po’ scialba anche se giocata non male dai bianconeri. Oggi però vogliamo porre l’accento sulle scelte di Allegri, che sono parse davvero sbagliate. Certo parlare a posteriori è più semplice, ma c’è un piccolo particolare che va considerato che va al di là del risultato in sé. Avete mai visto le grandi squadre europee tenere in panchina uno dei propri ‘big’ in una partita di Champions League? Mai e poi mai, i top players giocano SEMPRE anche acciaccati. Il Barcellona ad esempio pur sapendo inconsciamente di dominare in casa contro il Celtic, ha schierato tutto il proprio potenziale offensivo con Messi-Neymar-Suarez a far sfracelli lì davanti. Ad Allegri dunque rimproveriamo, se così si può dire, l’aver lasciato in panchina Pjanic, inserendolo solo sul finire di tempo per una ventina di minuti. I migliori vanno schierati sempre in Champions League, contrariamente al campionato, dove nelle gare contro le cosiddette ‘piccole’ la Juventus può permettersi tutte le fantasie che desidera.
Abbiamo spesso lodato Allegri, tecnico che merita menzione per il suo lavoro da diversi anni a questa parte, ma ieri Max no ha convinto. Un centrocampo composto da Khedira, Lemina e Asamoah, dà si garanzie dal punto di vista della solidità, ma qualitativamente non si può certo dire che sia a livello delle migliori squadre d’Europa. Allegri ha un po’ peccato di presunzione, i migliori vanno sempre schierati in Champions, il tecnico bianconero prenda spunto dalle squadre che negli anni passati hanno vinto la competizione: la parola “turnover” non esiste!

condividilo nei tuoi social

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.