Frosinone-Inter 1-3: gol e highlights della partita. Spalletti a +5 sul Milan

15 Aprile 2019
9 Views



FROSINONE-INTER 1-3

19′ Nainggolan (I), 37′ rig. Perisic (I), 61′ Cassata (F), 93′ Vecino (I)

Tre punti per consolidare un posto per la prossima Champions. L’Inter non sbaglia a Frosinone e ripristina il vantaggio di 5 punti sul Milan e 6 sulla Roma, a meno di una settimana dallo scontro diretto con i giallorossi. Allo Stirpe i nerazzurri vincono 3-1 senza forzare troppo la mano, agevolati da un avversario disattento e ingenuo in occasione dei gol subiti. Troppa, infatti, la libertà concessa a Nainggolan nella rete dell’1-0 – la quarta in campionato del belga -, poi raddoppiata dal rigore trasformato da Perisic. La squadra di Spalletti fallisce una serie di ripartenze nella seconda frazione di gioco e consente ai padroni di casa di riportarsi in partita, ma il mancino di Vecino in pieno recupero chiude i conti e proietta l’Inter a quota 60 punti. Baroni si ferma dopo le due vittorie consecutive e allontana l’obiettivo salvezza, distante ora 8 lunghezze.

Doppio squillo Nainggolan-Perisic, nel recupero la chiude Vecino

Spalletti conferma Icardi dall’inizio, supportato alle spalle dal trio Politano-Nainggolan-Perisic. Baroni premia con una maglia da titolare Ciofani, match-winner delle ultime due partite, e lo affianca a Pinamonti, ex dell’incontro. L’Inter occupa la metà campo avversaria fin dai primi secondi, ma nel primo quarto d’ora non riesce a creare grandi occasioni da gol. La squadra di casa acquisisce coraggio con il passare dei minuti, ma alla prima opportunità utile incassa il gol dell’1-0. L’azione nerazzurra si sviluppa in pochi secondi e porta al cross dalla destra D’Ambrosio. Il terzino pesca al centro Nainggolan che, tutto solo, indirizza di testa la sfera nell’angolo. Il Frosinone ha una buona reazione e va vicino al pari con il colpo di testa di Paganini, fuori di poco. I ragazzi di Spalletti non hanno un ritmo altissimo, ma quando premono sull’acceleratore fanno male. E i ciociari hanno anche il difetto di farsi male da soli. Sugli sviluppi di un angolo, infatti, Chibsah trattiene Skriniar in area e provoca calcio di rigore. Dal dischetto Icardi concede la conclusione a Perisic e il croato non sbaglia, spiazzando Sportiello. Il portiere del Frosinone ha il merito, poco dopo, di tenere in vita i suoi, compiendo un grande intervento sul mancino a tu per tu di Politano.

I nerazzurri partono forte anche nella ripresa, ma Nainggolan spreca la chance della doppietta personale, calciando alto da ottima posizione. Vecino butta via un altro contropiede dopo un’ora di gioco e, pochi secondi dopo, lo paga a caro prezzo. Il Frosinone, infatti, accorcia le distanze grazie a Cassata, il cui destro su sponda di Ciofani piega le mani di Handanovic. Il centrocampista, tuttavia, si fa male in quest’occasione e lascia il posto a Ciano. Il neo-entrato ci prova subito su punizione, terminata a un soffio dal palo. Ancora più nitida è la chance che capita a un quarto d’ora dal termine sulla testa di Ariaudo. Il difensore, però, devia debole e centrale, graziando la retroguardia nerazzurra. I padroni di casa, rivitalizzati dopo la rete, tentano il forcing finale, ma al 93’ si arrendono alla ripartenza vincente di Vecino. L’uruguiano conduce il contropiede in velocità e, dopo una triangolazione con Joao Mario e Icardi, trafigge Sportiello col mancino. 3-1 finale e Inter che torna alla vittoria dopo il pareggio contro l’Atalanta.

TABELLINO

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Ariaudo, Capuano; Paganini, Chibsah, Cassata (63′ Ciano), Valzania (82′ Maiello), Beghetto; Ciofani, Pinamonti (88′ Dionisi). All. Baroni

INTER (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar, Asamoah; Vecino, Borja Valero (74′ Gagliardini); Politano (89′ Joao Mario), Nainggolan, Perisic (70′ Keita); Icardi. All. Spalletti

Ammoniti: Paganini (F), Chibsah (F), Vecino (I), Ciano (F)



Source link

condividilo nei tuoi social

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.